sabato 23 novembre 2013

RESOCONTO RIUNIONE COMITATO OLMI DEL 21 NOVEMBRE


RELAZIONE DI SALVINA INZANA IN MERITO ALLA RIUNIONE DEL COMITATO CIVICO OLMI MAC MAHON ALLA SCUOLA RINNOVATA GIOVEDI 21 NOVEMBRE 2013


21.11.2013
Riunione del Comitato “ Salviamo gli olmi di v. Mac Mahon “
h 20.30 in v. C. da Castello n. 9
Sintesi di quanto argomentato

Premesso che, al contrario di quanto si stia facendo intendere, la preservazione degli olmi non sia affatto scontata e si possa ritenere pertanto chiusa felicemente la questione, l’Arch. Giuseppe Boatti ha esposto con chiarezza ai presenti la situazione presente e cioè:
- gli olmi sono attualmente visionati dall’agronomo Alessandro Pestalozza, incaricato dall’ATM e non dal Comune
- i Pulling-test a cui saranno sottoposte le alberature non fanno parte di una metodologia di prove certificate e non forniranno comunque risultati che possano essere considerati davvero attendibili
- tali “particolari” e costose prove, secondo quanto deciso da ATM, dovranno essere fatte sugli alberi sia prima che dopo gli interventi ( tagli ) sui loro apparati radicali. Ma per quale scopo eseguire un doppio Pulling-test? Per operare forse una selezione preventiva degli olmi giudicati da subito non "idonei"?
- se, in seguito agli interventi sulle radici, i risultati del secondo Pulling-test fossero negativi... gli alberi verrebbero abbattuti? Questo rischio è reale dato che ATM, oltre ad aver già chiaramente espresso questa intenzione, non ha nemmeno risposto alla nostra proposta di fare delle prove su tratti brevi ed un numero ristretto di alberature, al fine di verificarne l’impatto e modificare il progetto in caso di danni alle piante
- da specificare che, essendo il Comune il responsabile di tutte le alberature poste sul suolo pubblico di Milano, appare decisamente scorretto il fatto che abbia lasciato ogni decisione riguardante le sorti delle sopraddette alberature all’ ATM
- le alberature sono una componente importante del quartiere, non solo dal lato estetico, paesistico e del benessere, ma anche da quello economico, cioè del valore degli immobili. Dettaglio che aggraverebbe ulteriormente la posizione del Comune in caso di danno o abbattimento del filare
- il responsabile del Settore Parchi e Giardini, Mario Felcher, ci ha recentemente comunicato che gli olmi, per una questione di sicurezza, saranno potati prima delle eventuali nevicate invernali. Come risaputo tale operazione, se malfatta o eccessiva, può causare la morte degli alberi per cui si chiederà ai residenti di controllare come verrà eseguita, intervenendo in caso di capitozzature e tagli esagerati
- se possibile verrà contattato un agronomo super-partes che controlli la correttezza della potatura del filare di v. Mac Mahon.
- sarebbe anche il caso di informarsi del periodo in cui verrà attuata.
Dato che alle nostre richieste e proposte, finalizzate ad una maggiore e sicura tutela e preservazione degli olmi, né il Comune né l’ ATM hanno mai risposto, non rispettando pertanto il limite dei 30 giorni entro il quale le Amministrazioni hanno il dovere di rispondere ai cittadini, è stata inoltrata una DIFFIDA, con assistenza legale, in cui si invita il Comune a porre in essere tutte le attività che consentano di adempiere pienamente al dettato di legge, a motivare le risposte e ad esporre le ragioni per cui non è (o è) possibile procedere secondo quanto dal Comitato indicato.
P.S. - Nella DIFFIDA si è menzionata la recente *Legge del 14 Gennaio 2013 n.10 che prevede l'obbligo, da parte degli Enti Locali, sia di tutelare ed incrementare gli spazi verdi urbani( come, specificati, i filari ) che di adottare tutte le misure adeguate che favoriscano l'assorbimento delle polvere sottili, la diminuizione dell'inquinamento acustico e delle isole di calore
- FIRME: le firme raccolte verranno inoltrate al Comune al più presto ed al momento più opprtuno( ne stiamo raccogliendo ancora). *Tale norma è stata rafforzata dalla seguente sentenza del 18 gennaio 2013 n.118 da parte del Consiglio di Stato Sezione VI: "NEL RAPPORTO DELLA TUTELA DEI VALORI PAESAGGISTICI E LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA VA RIBADITO IL VALORE PRIMARIO ED ASSOLUTO DELLA TUTELA DEL PAESAGGIO, CON LA CONSEGUENTE AFFERMAZIONE DELLA TUTELA PAESAGGISTICA SULLA DETERMINAZIONI URBANISTICHE"

La riunione è terminata verso le h 22.30.
Grazie per l'attenzione.Emoji
SALVINA INZANA

2 commenti:

Gian Piero Riboni ha detto...

Condivido pienamente la posizione emersa e credo fondamentale la vigilanza diretta dei cittadini della via per il controllo delle future potature.
Gian Piero Comitato per Milano zona 8

Gian Piero Riboni ha detto...

Condivido tutto quanto emerso nella riunione del 21/11/13 e riportato sul sito. Un ruolo determinante devono averlo i cittadini di zona per controllare le modalità in cui avverranno le future potature.
Gian Piero Comitato X Milano Zona 8